Arte

Tutta Milano per Leonardo da Vinci a 500 anni dalla morte

Elisa Monetti
28 luglio 2018

A cinque secoli dalla morte, avvenuta il 2 maggio 1519, Milano si mobilita con un ricchissimo palinsesto di appuntamenti per rendere omaggio a uno dei più grandi uomini della storia: Leonardo da Vinci.

Arriva nel capoluogo lombardo nella primavera del 1482 introducendosi al duca Ludovico il Moro con una lettera d’impiego scritta di suo pugno estremamente efficace, quello che oggi sarebbe un curriculum vitae d’eccelsa fattura: si presenta innanzitutto come esperto d’armi, ingegnere di complicati marchingegni bellicosi (elemento di primario interesse per Ludovico il Moro), elogia le sue opere idrauliche, quelle architettoniche, e, solo sul finale, come fosse una postilla, menziona il suo talento artistico.

Da quel momento, la sua fama non farà che accrescersi.

Uomo dalla personalità e dagli interessi estremamente sfaccettati, Leonardo non mancò di esprimersi in ogni ambito del sapere. Ed è proprio per questo eclettismo e questa incredibile versatilità, mai più ritrovata in altro uomo, che non sarà una ma molteplici le iniziative organizzate da Milano per raccontare al meglio la storia di un mito.

Si comincia dal Castello Sforzesco, uno dei luoghi che maggiormente l’hanno visto all’opera, con la riapertura della Sala delle Asse (2 maggio 2019) e l’organizzazione di percorsi multimediali in altre aree del castello.

Palazzo Reale, dal canto suo, ospiterà due mostre dedicata al grande artista: Il meraviglioso mondo della natura prima e dopo Leonardo (4 marzo – 23 giugno) e La cena di Leonardo per Francesco I: un capolavoro in seta e argento (7 ottobre 2019 – 23 gennaio 2020).

Il Refettorio di Santa Maria delle Grazie, celeberrimo per il Cenacolo vinciano, organizzerà poi una mostra per raccontare la genesi di una delle opere più conosciute e amate della storia dell’arte, dagli schizzi al capolavoro finale: Leonardo da Vinci: prime idee per l’Ultima Cena (13 ottobre 2018 – 13 gennaio 2019).

Non potrà mancare una menzione all’ambito scientifico che sarà affidata a Leonardo da Vinci Parade, un incrocio tra arte e scienza ospitato dal Museo Nazionale della Scienza e della Tecnica e organizzato in collaborazione con la Pinacoteca di Brera.

Attorno alla Veneranda Biblioteca Ambrosiana e Palazzo Litta, orbiteranno invece quattro mostre dedicate al patrimonio di codici leonardeschi qui conservati, tra cui, il più importante, il Codice Atlantico.

Una prospettiva storica del valore di Leonardo come mente influenzatrice di artisti futuri verrà invece data da Fondazione Stelline e Museo del Novecento, che analizzeranno la straordinaria e immutata contemporaneità dell’artista.

Infine, per non dimenticare le sue abilità di musico e regista, il Piccolo Teatro porterà sul palcoscenico diversi spettacoli dedicati a Leonardo.

Un uomo dei più straordinari che Milano avrà l’onore di celebrare in ogni sua passione e sfaccettatura in un ricchissimo calendario di eventi.


Potrebbe interessarti anche