Children's

Tutte le bandiere di Pitti Bimbo 90: i numeri, i trend, le novità da Firenze

Martina D'Amelio
19 Gennaio 2020

Ciao, Pitti Bimbo! L’edizione numero 90 chiude i battenti a Firenze. Ecco tutto quello che c’è da sapere sul futuro prossimo del childrenswear: i numeri, i trend, le novità della moda bambino per l’autunno-inverno 2020/2021.

I numeri. In primis, 45 anni di Pitti Bimbo. Il salone della moda bambino che cade due volte l’anno festeggia un traguardo importante. Anche in termini di partecipazione: il capoluogo toscano ha accolto 553 collezioni, qualcuna in meno rispetto alla scorsa edizione invernale, ma crescono le presenze estere con 356 brand internazionali (il 64% del totale). E ancora: circa 6500 buyer hanno invaso la Fortezza per un totale di 10.000 visitatori, in linea con l’ultima edizione invernale. 10 le sezioni che hanno accolto le migliori collezioni autunno-inverno 2020 dedicate alla moda bambino: a partire dal top floor del Padiglione Centrale all’innovativa The Kid’s Lab!. E, come sempre, la vocazione sartoriale di Apartment, il dinamismo di Sport Generation e lo spirito urbano di SuperStreet. Russia, Spagna e Gran Bretagna sono in cima alla lista dei Paesi maggiormente presenti alla kermesse; mentre i dati del comparto childrenswear (0-14 anni) elaborati da Sistema Moda Italia affermano che per l’anno 2019 il turnover settoriale sperimenta un aumento pari al +3,5%, oltrepassando così la soglia dei 3 miliardi di euro (lievemente in calo rispetto al 2018).

Il finale della sfilata di Apartment a Pitti Bimbo 90

I trend. Il tema Show your flags dei saloni invernali di Pitti Immagine contagia anche il childrenswear, con tendenze poliedriche ma dall’identità ben precisa: è una nuova eleganza formale a sventolare nelle collezioni childrenswear autunno-inverno 2020/2021. Non manca un filone vintage che richiama gli anni Trenta e i look da simpatica canaglia, da piccolo lord o principessa d’altri tempi, con abiti in velluto liscio, bordati di merletto e pantaloni alla zuava, protagonisti della sfilata di Apartment (tra i brand in passerella Pero, Piccola Ludo, Velveteen, Amelie et Sophie, Paade e Raspberry Plum Ltd.) e Il Gufo. Un gusto decisamente retrò: il tartan, la maglieria e i colori della terra la fan da padrone anche sulla passerella, solitamente più street, di Children’s Fashion from Spain, da Tuc Tuc a Mayoral; le stampe vintage abbondano da Dolce&Gabbana e Stefania, mentre Little Marc Jacobs punta sulla nostalgia anni Novanta con una collezione gusto marshmallow.

Le principesse retro sulla passerella di Monnalisa

Certo, non mancano le bandiere urban che strizzano l’occhio alle tendenze adulte, con tute cargo e dettagli utility, avvistate nel magico circo di Monnalisa, dove convivono colori pastello, tulle, ma anche animalier e tanto denim, così come alla prima sfilata a Pitti Bimbo di Benetton, un arcobaleno di colore e casualwear. E ancora, continua la tendenza mini me, come visto nelle collezioni di Emilio Pucci junior e Emporio Armani, alla sua seconda presenza a Pitti Bimbo, che lancia una linea mini me anche per il newborn. L’outerwear formato kids riparte dalla ricerca di materiali tecnici e innovativi, mutuati dall’abbigliamento per lo sci: termoregolatori, antipioggia e antivento. Piumini, parka, trench, e giacche dei maggiori brand come Blauer, Herno, Candiens, Woolrich, Colmar Originals e Add Junior sono studiati per vivere in città o immergersi nella natura con il massimo comfort, senza rinunciare allo stile.

Un altro trend sempre più forte? La sostenibilità: oltre alle label di EcoEthic, la sottosezione dedicata del salone, e agli slogan green di Children’s Fashion from Spain, Petit Bateau ha annunciato a Pitti Bimbo che a partire dal 2020 renderà la sua prima collezione Newborn in cotone biologico 100%. E collabora con Treedom a un innovativo progetto di piantumazione. E poi Scrambled_ego, il nuovo marchio di abbigliamento creativo unisex che ruota attorno al tema della salvaguardia dell’ambiente, con t-shirt imbottite con piume riciclate e felpe con slogan come “Save the planet”.

I look coloratissimi a tutto street di Benetton 65 street

Le novità e i progetti di Pitti Bimbo 90 da tenere d’occhio, tra moda e creatività. Tra i nuovi nomi e i rientri (149) le collezioni sotto i riflettori per l’autunno-inverno 2020/2021 hanno visto protagonisti a Pitti Bimbo Candice FauchonCarolinebosmansChristina Rhode, Dimensione DanzaDknyMuseumMarques’ AlmeidaSofia WebsterTwinsetYves Salomon Enfant e Vivetta. Le capsule collection sulla cresta dell’onda? Si va dalla limited edition di Sarabanda e Ducati, pensata per i ragazzi dai 6 ai 16 anni, per arrivare alle capsule del progetto Fashion Comics per Line Friends, che vedono protagonisti marchi del calibro di Philosophy di Lorenzo Serafini Kids, Mc2 Saint Barth, Monnalisa, Akep2StarPinko UpDiadora. E poi i look e i libri di C’era una volta, il brand italiano che veste bimbi da 0 a 12 anni con uno stile delicato, raffinato e senza tempo, che presenta a corredo del guardaroba una selezione di dieci albi illustrati dal sapore internazionale.