News

Tutto quello che c’è da sapere su Virginie Viard, l’erede di Lagerfeld

Martina D'Amelio
20 Febbraio 2019

Chanel ha un nuovo direttore creativo: si tratta di Virginie Viard, studio director della Maison francese e braccio destro di Karl Lagerfeld, che prende il posto lasciato vacante dal Kaiser. Ecco tutto quello che c’è da sapere sulla donna che si appresta a guidare la Maison francese.

A poche ore dalla scomparsa del designer, la casa di moda ha annunciato che la stilista, da oltre 30 anni al fianco di Lagerfeld, continuerà a lavorare nel suo ruolo, ma guadagnando i vertici creativi. Una decisione prevedibile, considerato che proprio all’ultima sfilata Haute Couture di gennaio al Grand Palais di Parigi è stata lei, accompagnata solo da Vittoria Ceretti in costume-abito da sposa, a raccogliere l’applauso del pubblico (in copertina). La prima volta, da quando nel 1983 aveva raccolto il timone da Coco, che Karl non è salito sul catwalk.

L’annuncio.Virginie Viard, che ha finora guidato il fashion creation studio e che è stata la collaboratrice più stretta di Karl Lagerfeld per oltre 30 anni, è stata designata dal ceo Alain Wertheimer per proseguire il lavoro creativo sulle collezioni di Chanel, permettendo in questo modo all’eredità di Gabrielle Chanel e Karl Lagerfeld di continuare a vivere”. Questo l’annuncio ufficiale e diramato sui social dato dalla Maison. Viard subrentra dunque a Lagerfeld alla sua morte.

Il sodalizio creativo. I due iniziano a lavorare insieme nel 1987, quando Viard, poco più che 20enne, lascia il mondo dei costumi di scena e si ritrova negli atelier di Chanel 4 anni dopo l’ingresso di Karl, nei panni di stagista. Figlia di medici e con un nonno setaiolo di Lione, Viard aveva all’epoca una scuola di cucito alle spalle ma poca esperienza. L’incontro con Lagerfeld le cambia la vita: un rapporto di lavoro ma anche di amicizia. Tanto che Karl amava definirla “il mio braccio destro e anche quello sinistro”.

La vita privata. Sposata con il musicista e produttore Jean-Marc Fyot e madre di Robert (che sta seguendo le orme del padre) Viard è una donna dedita al lavoro. Un carattere defilato, un aspetto dolce e mite, una forza e creatività incredibili, un piglio chic e tipicamente francese: queste le caratteristiche del nuovo direttore creativo di Chanel.

La crescita. I primi anni 2000 segnano il lento passaggio di Viard dall’Haute Couture al prêt-à-porter e portano al decollo la sua carriera. Oggi la stilista supervisiona otto collezioni all’anno. E il riconoscimento è arrivato proprio sulle ultime passerelle, dalla sfilata primavera-estate 2019 della Maison alla Metiers D’Art inno all’antico Egitto, dove è comparsa a fine show proprio a fianco di Karl.

Cosa vedremo da Chanel. Una mossa “studiata” fin dal principio della malattia dal Kaiser? C’è da crederlo. Per un futuro all’insegna della tradizione e nel segno dello stile della Maison, la scelta di Viard sembra quella più sensata. Il tocco femminile sarà più marcato? “La corsa continua all’ultima tendenza e l’impetuosità delle collezioni mi deprime. Amo la moda che dura, quella che resta scritta nel tempo. I vestiti che, alla fine, non sono alla moda” , aveva dichiarato la designer a Madame Figaro. Staremo a vedere…



Potrebbe interessarti anche