Ritratti

Una luce nel sociale: Reem Debs

staff
30 ottobre 2012

Reem Debs, giovane madre residente a Londra e regina della scena sociale europea e medio orientale. Ci colpisce subito per la sua bellezza. Impossibile non notarla: capelli biondi, sguardo intenso e voce suadente. Tre figli maschi e un marito di cui va molto orgogliosa, è di casa nei luoghi più esclusivi del Globo.
Reem è nata e cresciuta a Beirut, e mantiene un legame molto forte con il suo paese d’origine. In Libano si occupa attivamente di vari charities, ma il suo cuore batte più forte quando si parla di educazione: “E’ solo con una buona educazione che la società libanese potrebbe superare gli ostacoli che ha davanti a se”, mi spiega. All’università americana di Beirut ha imparato che “la conoscenza è l’arma più potente e l’istruzione la miglior munizione di cui armarla”. E a Londra diffonde il suo pensiero.
Non vi è nulla di banale nell’aspetto di Reem Debs. Non porta mai borsette, non le piacciono – eccezion fatta per McQueen, ma solo dopo il tramonto. Le piacciono le scarpe, ma non le viene in mente nemmeno il nome di un brand perchè “nulla batte una semplice décolleté in color naturale”. E quando poi le si chiede quale sia il suo stilista preferito dice Miu Miu, ma velocemente aggiunge: “solo per questa stagione però”.
Reem ha idee molto più precise quando apre il suo cuore e mi racconta dei luoghi che ama di più: “Il weekend assolutamente a Parigi, la vita di tutti i giorni a Londra – non la cambierei per nulla al mondo –, e le vacanze al Palace Hotel di Gstaad, con il miglior servizio che una persona possa desiderare, cinque stelle vere”.
Non guida macchine potenti, ma la sua Mini cooper cambia colore, e tra un party ed un ricevimento, sceglie di mangiare un boccone in una piccola trattoria italiana che si chiama Lucia ed è in Hollywood road – ordina i suoi piatti preferiti in perfetto italiano.

Con tre ragazzi e un marito che è quasi un’atleta, non poteva che essere una grande sportiva: sci d’acqua e immersioni in Costa Smeralda , discese con gli sci a Gstaad e pilates tutti i giorni a Londra. “Ma questi sono solo hobbies, la vera passione la metto in progetti per il mio Paese”.
Ama l’arte, specialmente le tonalità sgargianti della pop art, ma sul proprio viso di colore non ne vuole e indossa una protezione 45 tutti i giorni dell’anno, anche quando si trova nella nuvolosissima Londra.
Perché ritrarre Reem Debs? Perché la considero una luce della scena sociale. Perché è come il profumo che indossa: senza brand ma unico, con una base di gelsomino, pensato appositamente per lei da un artigiano profumiere – e inutile dirvi che l’artigiano profumiere è rigorosamente arabo.

 

Umberta Gnutti Beretta

Appassionata d’arte e attiva nel sociale, Umberta Gnutti Beretta si divide tra Brescia – la sua città natale – e Milano – città che l’ha accolta a braccia aperte.