News

Versace alla conquista di New York con la collezione Pre-Fall 2019

Luca Antonio Dondi
4 dicembre 2018

Il finale della sfilata Pre-Fall 2019 di Versace

Donatella Versace vola a New York e per la prima volta in assoluto sceglie la Grande Mela per allestire una sfilata-evento che presenta la collezione Pre-Fall 2019 sotto il segno della Medusa. Tra richiami sartoriali di stampo Made in Italy e accenti pop che omaggiano Manhattan, iconici throwback e odi al futuro, ecco tutto quello che c’è da sapere sull’ultima scintillante collezione firmata Versace.

La location. La sede designata per presentare la Pre-Fall collection è nientemeno che l’American Stock Exchange, uno dei principali poli newyorkesi della borsa valori americana nel cuore di Wall Street. All’interno della sala principale, spicca per l’occasione una replica in scala 1:1 della fiaccola della Libertà, simbolo di forza e perseveranza, ma anche icona femminile di empowerment e tenacia a detta della stessa Donatella. La sostanziale differenza tra l’autentica Lady Liberty e la copia? Non certo le dimensioni, ma un touch of gold che non guasta mai: la replica, infatti, si presenta totalmente rivestita da una patina dorata in puro stile Versace.

I modelli in passerella attorno alla fiaccola della Libertà dorata

L’ispirazione. Dopo il grande throwback della collezione primavera-estate 2018 che ha riportato in auge le stampe iconiche della Maison in occasione dell’anniversario della scomparsa di Gianni Versace, questa volta Donatella ripesca dagli archivi un simbolo della collezione Spring-Summer 1994: l’iconica spilla da balia. L’oggetto divenne immediatamente riconoscibile grazie all’intramontabile Pin Dress indossato da Liz Hurley e oggi ricompare in passerella sotto forma di abiti ugualmente sexy ma riletti in chiave contemporanea. E poi c’è il ritorno dell’abito in chiffon direttamente dagli anni 2000 che aveva catalizzato l’attenzione del mondo – e dei mass media – quando indossato ai Grammy Awards da Jennifer Lopez. Da Milano a New York, dunque, sfilano i grandi (nuovi) successi della Medusa.

La collezione. La spilla da balia, quindi, ritorna con prepotenza e si caratterizza come fil rouge della collezione Pre-Fall 2019. A partire dal primo look, indossato da un’algida Kaia Gerber, in cui evidenzia spacchi strategici e pieghe su una gonna in seta color rame fino alla sua massima espressione con un Pin Dress 2.0 sfoggiato dalla nostrana Vittoria Ceretti. In passerella la donna e l’uomo Versace condividono forza e audacia, oltre ad un guardaroba fatto da blazer e pencil skirt attillate, pantaloni in pelle e trench coat in vinile, camicie di seta e pullover in lana mohair, sneakers e stiletti, borsoni e valigie. L’austero look metropolitano è spezzato da accenti barocchi mixati al locale pattern Stars & Stripes, stampa zebrata e colori al neon, grafiche optical e ornamenti greci. Sul finale la comparsa del motivo a cuori colorati Love Versace ispirato alle opere di Jim Dine per la casa newyorkese di Gianni. Con questa nuova e vivace stampa si chiude il défilé e cala il sipario su una radiosa Amber Valletta che, 18 anni dopo, sfoggia con lo stesso sex appeal quell’immortale long dress di chiffon.

Il front row. Ad applaudire il successo americano di Donatella Versace non potevano mancare uno stuolo di celebrities solite a vestire le preziose creazioni haute couture del brand. Kim Kardashian West insieme al marito Kanye conquistano i riflettori seguiti a ruota da altri Versace addicted come Blake Lively, Diane Kruger, Ciara, Mary J Blige, 2Chainz, Uma Thurman, Winnie Harlow e Sara Sampaio.

Da sinistra Kim Kardashian West, Kanye West, Donatella Versace, 2Chainz, Kesha Ward, Ciara


Potrebbe interessarti anche