Fotografia

Viaggio nella Milano degli anni ’60 alla Casa Museo Spazio Tadini

Virginia Francesca Grassi
20 settembre 2017

Virgilio Carnisio, nebbia in Darsena,Milano, 1960

Un tuffo nel passato, un viaggio nella Milano degli anni ’60: fino al 15 ottobre, la Casa Museo Spazio Tadini, in zona Lambrate, ospita Milano negli anni ’60 e la fotografia di documentoLo sguardo di Ernesto Fantozzi, Virgilio Carnisio e Valentino Bassanini.

La mostra, nata da un’idea di Francesco Tadini e grazie alla cura di Federicapaola Capecchi e Lucia Laura Esposto, in collaborazione con il Circolo Fotografico Milanese, raccoglie 75 scatti che raccontano il passato del capoluogo lombardo attraverso gli occhi di tre importanti fotografi del panorama artistico milanese:  Ernesto Fantozzi, mente creativa insieme a Mario Finocchiaro del Gruppo ’66,  Valentino Bassanini, tra i membri del movimento, e Virgilio Carnisio.

 25 fotografie di reportage per ciascun autore che documentano piccoli istanti di vita quotidiana accanto alla realtà delle grandi trasformazioni che in quegli anni hanno investito la città: dal boom economico alle manifestazioni studentesche, ma anche luoghi e mestieri ormai quasi dimenticati, tra case di ringhiera e vecchie trattorie.

  • Valentino Bassanini, Valentino Bassanini , Il materassaio, cortile in Via Confalonieri, Milano, 1960

  • Virgilio Carnisio, via del Torchio 16, Milano, 1970

  • Ernesto Fantozzi, Viale Piave Angolo Via Pindemonte, Milano, 1960

  • Valentino Bassanini, Via Orefici, Milano, 1960

  • Virgilio Carnisio, Piazza Duomo, Milano, 1960

  • Ernesto Fantozzi, Corso Buenos Aires, Milano, 1962

  • Virgilio Carnisio, Milano, 1961

  • Valentino Bassanini, processione del Corpus Domini a Milano nei tardi anni sessanta

In queste tre mostre – scrive Federicapaola Capecchi – guardiamo fotografie che hanno contribuito allo studio e alla comprensione di quel tempo, tra gli anni ’60 e i primi anni ’70, una stagione della fotografia milanese forse irripetibile, animata anche da una sorta di missione narrativa. […] conosciamo il senso del fotografare di Ernesto Fantozzi, Virgilio Carnisio e Valentino Bassanini: essere testimoni onesti e attenti del loro tempo. […] ci muoviamo in una preziosa mappatura della città di Milano, soprattutto per quanto riguarda i quartieri periferici. Una testimonianza di inestimabile valore architettonico, urbanistio e storico; un’ancor più preziosa documentazione della cultura, delle abitudini e trasformazioni contraddittorie nei modi di vivere, che hanno accompagnato Milano”.

È la narrazione nostalgica di una città che cambia e che ormai non c’è più. Ma la cui identità rimane ben salda e riconoscibile, ieri come oggi.

 

Milano negli anni ’60 e la fotografia di documento
Lo sguardo di Ernesto Fantozzi, Virgilio Carnisio e Valentino Bassanini
Casa Museo Spazio Tadini, via Niccolò Jomelli, 24
Orari: mattino su appuntamento; pomeriggio da mercoledì a venerdì 15.30-19,30, sabato e domenica 15-18.30


Potrebbe interessarti anche