Fotografia

Woodstock risuona a Firenze negli scatti di Amalie R. Rothschild

Chiara Di Leva
18 Settembre 2019

© Amalie R. Rothschild

Era il 18 agosto del 1969, erano gli Stati Uniti, era la conquista della libertà. Sono passati 50 anni dal mitico Festival di Woodstock, che ancora oggi ispira migliaia di giovani con i suoi ideali di pace, amore, eguaglianza. Indimenticabile e indimenticato, oggi diventa protagonista dello Spazio espositivo Carlo Azeglio Ciampi a Firenze, grazie ad una grande mostra fotografica che rimarrà aperta al pubblico fino al 3 novembre.

© Amalie R. Rothschild

Ideata da Marco Ferri con il patrocinio della XII Florence biennale, Mostra Internazionale di Arte Contemporanea e Design, dal Consolato degli Stati Uniti di Firenze e dall’associazione di Amicizia Italia-Israele Prato Pistoia, l’antologica celebra e rievoca il più grande evento musicale della storia grazie agli scatti di una insider come la fotografa americana Amalie R. Rothschild.

Oltre cinquanta fotografie, molte delle quali inedite per il pubblico italiano, ci fanno rivivere quei quattro giorni destinati con la loro carica pacifista e rivoluzionaria a cambiare per sempre la storia, in un viaggio a tutto rock in compagnia di star come Jimi Hendrix, Janis Joplin, Santana e gli Who.

 

 

Amalie R Rothschild. Woodstock e gli altri
Dal 3 ottobre al 3 novembre 2019
Spazio espositivo Carlo Azeglio Ciampi
Via de Pucci 16, Firenze
Orari: tutti i giorni dalle 10 alle 18