Destinazioni

WWF Travel: i viaggi “sostenibili” da fare almeno una volta nella vita

Alessandra Cesana
5 aprile 2018

Con l’arrivo della primavera WWF lancia un nuovo progetto rivolto a tutti gli amanti della natura: si tratta di WWF Travel, il tour operator dell’organizzazione mondiale per la conservazione di natura, habitat e specie in pericolo controllato da WWF Oasi.

Amore e rispetto dell’ambiente, sensibilizzazione e presa di coscienza, ma anche voglia di vivere nuove esperienze: così il World Wide Fund for Nature sceglie di intraprendere questo percorso inconsueto per un turismo più intelligente. L’iniziativa offre la possibilità di fare viaggi unici in Italia e nel mondo all’insegna del piacere della scoperta, e a ciò aggiunge anche un’inedita componente educativa e conoscitiva.

Sono quattro le alternative di WWF Travel. Continua la proposta dei campi estivi rivolti a bambini e ragazzi, che potranno scegliere tra 27 destinazioni. Sarà poi possibile soggiornare in oasi gestite dall’organizzazione, provviste di sistemi di accoglienza ecosostenibili e originali: case sull’albero, tende, bubble glass e persino fari. Inoltre, si potranno intraprendere viaggi in Italia all’insegna della natura: nel mare della Sardegna sarà possibile osservare da vicino i cetacei; nel Parco nazionale del Cilento si potrà fare birdwatching e molto altro. Infine

nel resto del mondo il tour operator organizza trip davvero emozionanti, sulle tracce di animali a rischio d’estinzione come le tigri del Buthan, gli orsi polari, gli oranghi della giungla del Borneo, i rinoceronti bianchi e gli squali balena.

“Il turismo può essere un alleato nella conservazione dell’ambiente. Non solo può aiutare a finanziare in modo diretto i progetti di tutela, ma crea reddito per le comunità locali, divenendo una motivazione aggiuntiva nella difesa del capitale naturale” dichiara Gaetano Benedetto, direttore generale di WWF Travel. Un perfetto connubio di divertimento e sensibilizzazione, che sicuramente avvicinerà molte persone alle numerose iniziative promosse: per viaggiare sì, ma all’insegna della consapevolezza.


Potrebbe interessarti anche